• DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

    ECOGRAFIA GIUNZIONE GASTROESOFAGEA


    L’ecografia per studiare la giunzione gastroesofagea può essere utilizzata nello studio morfologico e funzionale della giunzione esofago-gastrica e del piloro del neonato, per valutare l’identificazione di episodi di reflusso gastro-esofageo o la presenza di una stenosi ipertrofica del piloro.

    COME FUNZIONA L’ECOGRAFIA GIUNZIONE ESOFAGEA

    L’ecografia per lo studio della giunzione gastroesofagea viene generalmente eseguita in epoca neonatale o più comunemente tra 0 e 12 mesi. È in grado di fornire informazioni morfologiche e funzionali rapidamente, in maniera innocua per l’organismo (senza utilizzo di radiazioni ionizzanti) e senza recare alcun fastidio; pertanto, è l’esame di prima scelta e, qualora indicato, può essere ripetuto più volte anche a breve distanza di tempo o periodicamente. L’esame va effettuato subito dopo l’assunzione di un pasto, come da indicazioni, e la consegna del referto (e della documentazione relativa all’esame) è immediata.

    SERVIZI CORRELATI

    L’ecografia alle anche del neonato permette in modo molto accurato di escludere nel bambino l’eventuale presenza di una malformazione congenita chiamata lussazione (o displasia) congenita dell’anca.


    L’ecografia vasi addominali e l’ecocolordoppler vasi addominali consentono lo studio dell’aorta, della vena porta e dei suoi rami (vena splenica e vena mesenterica), della vena cava, del tripode celiaco, dell’arteria mesenterica e dei vasi renali.


    L’ecografia splenica, o ecografia della milza, esplora la milza e le strutture vascolari circostanti.


    Radiologica Romana

    DIRETTORE SANITARIO
    DOTT. MAURIZIO MONTICELLI

    © 2013 - Radiologica Romana S.r.l.
    Tutti i diritti riservati - REA 427743
    C.F. n. 03168260580 - P.IVA n. 01166491009
    Informativa sulla Privacy
    Termini e condizioni

    Credits: Agenzia Web Roma Mandarino adv
    ASSISTENZA ON-LINE