• Open Day Donna

    Open Day Donna

    Sabato 19 Maggio, dalle 09.00 alle 15.00, cogli l’occasione per un consulto gratuito insieme ai tuoi specialisti di fiducia per scegliere insieme la cura più adatta per il benessere personale femminile e di coppia. 

    Inoltre, avrai la possibilità di prenotare una terapia con il 30% di sconto.

    Per partecipare all’Open Day è obbligatoria la prenotazione.

    Radiologica-Romana-Img-Pagina-Open-Day-Maggio-2018-1.jpg?fit=1200%2C723&ssl=1

    Durante l’incontro gratuito la ginecologa e l’urologo ti illustreranno tutte le possibilità terapeutiche per i disturbi della menopausa come:

    SECCHEZZA VAGINALE 

    Il disturbo più frequente interessa infatti oltre il 50% delle donne a tre anni dalla menopausa e il 100% dopo 10 anni. Purtroppo però non è mai un sintomo isolato ma è l’espressione certamente più evidente di un complesso di disturbi cronici genitourinari e sessuali che peggiorano con il passare del tempo. Le donne lamentano infatti disturbi vaginali come bruciore, irritazione e perdite atipiche; disturbi urinari come urgenza minzionale fino all’incontinenza urinaria e cistiti ricorrenti dovute alla presenza di biofilm patogeni in vagina che aumentano sia le infezioni vaginali sia le infezioni vescicali; infine, disturbi sessuali come dolore ai rapporti (dispareunia), mancata lubrificazione che a lungo andare incidono sul desiderio sessuale e possono pesare sul rapporto con il partner e quindi sulla qualità di vita della donna e della coppia.

    ATROFIA VULVO-VAGINALE 

    L’atrofia vulvo-vaginale ovvero l’involuzione di tutti i tipi di cellule che compongono l’architettura dei tessuti vaginali e vulvari dovuta alla carenza di ormoni sessuali dopo la menopausa è la causa strutturale che si traduce nel sintomo più eclatante di secchezza. Questa involuzione coinvolge anche vescica e uretra per la comune origine embrionale, per la stessa sensibilità agli ormoni sessuali, per la innervazione in parte condivisa e infine per la comune biomeccanica durante i rapporti sessuali è perciò più corretto parlare di sindrome genitourinaria della menopausa.

    INCONTINENZA URINARIA

    L’incontinenza urinaria in post menopausa è dovuta alla sostituzione progressiva delle fibre muscolari del muscolo elevatore dell’ano con un collagene di scarsa qualità. Il muscolo diviene così più rigido, meno efficace ed efficiente nella contrazione. Nelle giovani donne l’incontinenza urinaria è associata alla incapacità di continenza dello sfintere vescicale e uretrale e soprattutto del pavimento pelvico.

    Le donne che lamentano questi sintomi sono circa il 50%, ma solo 1 donna su 4 si rivolge a un medico per trovare un rimedio.

    PRENOTA / RICHIEDI INFORMAZIONI



    Radiologica Romana

    DIRETTORE SANITARIO
    DOTT. MAURIZIO MONTICELLI

    © 2013 - Radiologica Romana S.r.l.
    Tutti i diritti riservati - REA 427743
    C.F. n. 03168260580 - P.IVA n. 01166491009
    Informativa sulla Privacy
    Termini e condizioni

    Credits: Agenzia Web Roma Mandarino adv
    ASSISTENZA ON-LINE