• VISITE SPECIALISTICHE

    ASPORTAZIONE CONDILOMI GENITALI

    I condilomi sono escrescenze che compaiono più di frequente nella zona genitale: sulla vulva, in regione anale, o nella vagina, sulla cervice, nel caso degli uomini, sul pene e regione anale. I condilomi sono espressione di una infezione a trasmissione sessuale tra le più diffuse e colpiscono uomini e donne in egual misura. I condilomi, spesso, sono causa di un profondo stress emotivo, influenzando negativamente la qualità di vita di chi ne è colpito.

    Laser-CO2l.png?fit=578%2C345&ssl=1

    COME FUNZIONA L'ASPORTAZIONE DEI CONDILOMI GENITALI

    Il trattamento laser CO2, utilizzato per vari inestetismi e patologie, consiste in un raggio ad anidride carbonica che agisce sul contenuto d’acqua delle cellule, vaporizzandole, senza danneggiare o ustionare i tessuti circostanti. Fra le diverse patologie permette di trattare, con ottimi risultati, i condilomi acuminati (le cosiddette “creste di gallo”). I vantaggi della terapia laser rispetto alle tecniche di ablazione tradizionali consistono innanzitutto in una veloce guarigione con scarsi esiti cicatriziali, ridotta risposta infiammatoria e una limitata possibilità di sanguinamento. Inoltre, il periodo di convalescenza è breve e consente una rapida ripresa delle attività quotidiane.

    Attraverso la laserterapia è assicurata la rimozione completa e sicura dei condilomi ma è importante ricordare che eliminarli non significa curare l’infezione e quindi rimuovere il virus, dunque nonostante l’intervento riesca perfettamente, non può però assicurare la protezione da recidive, in media infatti, si stima che il 30 per cento dei condilomi si ripresenti, richiedendo circa tre cicli di trattamento.

    PREPARAZIONE AL TRATTAMENTO LASER PER L’ASPORTAZIONE DEI CONDILOMI GENITALI

    Prima del trattamento con laser Co2 è consigliato evitare l’esposizione al sole o a lampade UVA. Inoltre nel caso in cui il soggetto fosse predisposto alla comparsa di herpes è necessario procedere con una terapia profilattica antierpetica. Nel caso in cui fosse in atto un’infezione virale, micotica o batterica non è possibile proseguire con il trattamento.

    Prima di procedere con il trattamento laser è necessario individuare con precisione la localizzazione dei condilomi da rimuovere. Il trattamento viene eseguito in un contesto ambulatoriale e per la sua esecuzione non è obbligatorio l’uso di anestesia anche se viene spesso utilizzata una anestesia locale per ridurre il fastidio soprattutto in caso di lesioni numerose. La procedura consiste sostanzialmente nel passare la sonda laser sulle aree oggetto del trattamento, in questi siti la sonda produrrà calore, per questo motivo durante il trattamento si potrà avvertire sulla pelle una sensazione di calore ed un lieve bruciore. Le sedute durano mediamente 30 minuti.

    PRENOTA / RICHIEDI INFORMAZIONI

    SERVIZI CORRELATI

    L'isterosonosalpingografia è un esame ecografico per lo studio dell'infertilità, che indaga la morfologia della cavità uterina e la permeabilità tubarica.


    il laser ginecologico consente un recupero della funzione vaginale perduta a causa dell’atrofia vaginale, dei parti, della carenza ormonale in menopausa e dell'invecchiamento dei tessuti.


    Durante la gravidanza è consigliabile l’esecuzione di almeno tre esami ecografici da effettuarsi rispettivamente nel primo, nel secondo e nel terzo trimestre.


    Il Thin-Prep è un test di screening la cui funzione principale è indagare sulle alterazioni delle cellule del collo e della cervice dell’utero.


    Il Test PrenatalSAFE® è sicuro per la madre e per il feto,eseguito mediante un semplice prelievo ematico della gestante, con un età gestazionale di almeno 10 settimane.


    E’ un esame di screening per la sindrome di Down, la trisomia 13 e 18 che si basa sulla combinazione delle informazioni ottenute con la Translucenza Nucale e con il Bitest.


    Le visite sono finalizzate alla la prevenzione e cura delle patologie dell’apparato genitale femminile in donne di qualunque fascia d’età, dalla pubertà alla post-menopausa.


    Durante la gravidanza è consigliabile che la donna si sottoponga ad una serie di visite ostetriche specialistiche. La prima di queste, da effettuarsi nel primo trimestre di gravidanza.


    La cardiotocografia, il cosiddetto monitoraggio, è un esame semplice e non invasivo utile per valutare lo stato di salute del feto nelle ultime settimane di gestazione.


    E’ una normale ecografia della gravidanza finalizzata allo studio dell’anatomia, della funzione e del ritmo cardiaco fetale.


    Il pap test è un esame di screening per individuare la presenza sia di alterazioni cellulari che per la diagnosi precoce del tumore del collo dell’utero, uno dei tumori più frequenti nelle donne.


    Attraverso questo test è possibile rilevare la presenza del virus HPV (Human Papilloma Virus) il principale responsabile nella donna dei tumori del collo dell’utero.


    I tamponi vaginale e cervicale rappresentano un esame utile a verificare l’esistenza di infezioni a carico della vagina o della cervice uterina.


    Lo IUD (Intra Uterine Device), più comunemente detto “spirale”, è un piccolo dispositivo contraccettivo con un meccanismo capace di rilasciare piccole quantità di ormone.


    L’Ecografia Pelvica Sovrapubica viene eseguita utilizzando una sonda ad ultrasuoni che viene poggiata in corrispondenza della zona pubica.


    L’ecografia Transvaginale, cosi come quella sovrapubica, viene utilizzata per lo studio della morfologia degli organi genitali interni femminili.


    Si tratta dell’ecografia ostetrica che consente lo studio della morfologia fetale, tra la 19°-22° settimana. Durante l’esame morfologico si esegue il controllo di tutte le principali strutture anatomiche fetali.


    Questo esame unisce alla tecnica ecografica la metodica doppler così da studiare il flusso ematico nel distretto materno (arterie uterine) ed in quello fetale .


    Il monitoraggio follicolare, esame detto anche monitoraggio ecografico dell’ovulazione ed eseguito mediante sonda endovaginale, è un’indagine mirata a seguire la crescita del/dei follicoli presenti a livello ovarico.


    E’ un esame del sangue sulla donna che analizza due sostanze ormonali, la BHCG e la PAPP-A prodotti durante la gravidanza dalla placenta ed immessi nella circolazione materna.


    Radiologica Romana

    DIRETTORE SANITARIO
    DOTT. MAURIZIO MONTICELLI

    © 2013 - Radiologica Romana S.r.l.
    Tutti i diritti riservati - REA 427743
    C.F. n. 03168260580 - P.IVA n. 01166491009
    Informativa sulla Privacy
    Termini e condizioni

    Credits: Agenzia Web Roma Mandarino adv
    ASSISTENZA ON-LINE