• VISITE SPECIALISTICHE

    VISITA ALLERGOLOGICA: IL PRIMO PASSO


    La visita allergologica

    Attraverso un’attenta visita allergologica è possibile individuare, ove presenti, le cause di allergie.

    L’allergia è il risultato di una particolare condizione di rifiuto da parte dell’organismo di alcune sostanze (allergeni), alle quali esso risulta particolarmente sensibile.
    Ogni giorno il nostro organismo viene in contatto con centinaia di agenti esterni: nell’aria, nei cibi, negli oggetti. Nella maggior parte dei casi l’organismo non presenta particolare reattività.

    Nei soggetti allergici, invece, a causa di una sensibilità abnorme, si scatena una reazione di difesa esagerata che il sistema immunitario oppone a sostanze di per sé innocue.
    Esistono diversi tipi di allergia: ai farmaci, agli animali, agli alimenti, alle piante, ai pollini, alla polvere.

    I sintomi allergici possono essere più o meno fastidiosi: si va da un generale senso di stanchezza e irritabilità a starnuti ripetuti, secrezioni e congestione nasale, difficoltà respiratorie. Non mancano i sintomi cutanei come prurito, gonfiori, arrossamenti, ma anche il fastidio agli occhi, che possono presentare gonfiore, lacrimazione, fastidio alla luce, emicrania.

    Nei casi più importanti la reazione allergica si manifesta a carico dell’apparato gastroenterico con nausea, vomito, diarrea. Tali sintomi possono presentarsi singolarmente o associati ed essere particolarmente presenti in alcune stagioni, talvolta scatenando complicanze asmatiche.
    Molto spesso davanti ad una reazione di tosse, un attacco d’asma, un prurito improvviso si tende ad ipotizzare l’esistenza di una forma allergica. Prima di improvvisarsi in diagnosi fai da te è importante riconoscere l’eventuale sintomo attraverso una visita specialistica ed indagini mirate.

    Come si svolge la visita allergologica?

    È preferibile far precedere gli esami allergometrici (prick test e patch test) da una visita medica durante la quale il colloquio tra medico e paziente porti alla luce tutti i dettagli delle reazioni allergiche sperimentate e per consentire di organizzare al meglio il percorso diagnostico-terapeutico.

    La terapia ideale sarebbe l’allontanamento definitivo della fonte dell’allergia ma questo non è sempre praticabile. Molti farmaci sono utili per contrastare la sintomatologia, tra questi gli antistaminici, i cortisonici, gli antileucotrienici, i cromoni, gli anticolinergici, i broncodilatatori e, in caso di shock anafilattico, l’adrenalina.

    In molte situazioni, ci si avvale dell’immunoterapia iposensibilizzante (vaccino) per rimuovere al meglio la reattività nei confronti degli allergeni.

    È assolutamente sconsigliato un impego “fai da te” di qualsiasi farmaco o provvedimento terapeutico, ma è opportuno sempre consultare uno specialista perché un’assunzione in dosi sbagliate può rivelarsi ininfluente o addirittura dannosa

    IL NOSTRO STANDARD DI PRESTAZIONE: 30min

    SERVIZI CORRELATI

    Il Prick test è un esame a lettura immediata (10-15 minuti) che indaga la presenza di allergie ad allergeni alimentari o inalanti


    Il Patch test è un esame a lettura ritardata (48-72 ore), che indaga la presenza di dermatiti di natura allergica o sintomi gastrointestinali.


    Radiologica Romana

    DIRETTORE SANITARIO
    DOTT. MAURIZIO MONTICELLI

    © 2013 - Radiologica Romana S.r.l.
    Tutti i diritti riservati - REA 427743
    C.F. n. 03168260580 - P.IVA n. 01166491009
    Informativa sulla Privacy
    Termini e condizioni

    Credits: Agenzia Web Roma Mandarino adv
    ASSISTENZA ON-LINE